#bastaunsi anche per Trump

Non c’è che dire. I dati precipitevolissimevolmente negativi per quelli chi sostengono il Si al referendum costituzionale inducono perfino un endorsement per Trump dopo che la sinistra radical-chic renziana si era schierata compatta per Hillary Clinton. Qui sotto nel  tweet (poi rimosso) del senatore PD Bruno Astorre membro della direzione nazionale, ne abbiamo un lapalissiano esempio.

Qualcuno ha risposto al senatore rinfacciando la smaccata “prostituzione intellettuale che la dice lunga sui criteri con cui la riforma stessa è stata elaborata” e francamentenon mi sento di dargli torto. Come molti sostenitori del Si che dicono una cosa (una fregnaccia, direbbero a Roma) e poi quando si accorgono di averla fatta grossa cercano di travisarla a 360 gradi, anche il senatore Astorre ha praticato lo sport del partito della nazione: l’arrampicata sugli specchi. Tant’è che nel goffo tentativo di rimediare si confonde (forse, come dice qualcuno, complici i troppi Martini nell’happy hour) e rivendica la sua scelta per la Clinton dopo aver evocato la “voglia di cambiare americana (e trumpista)” uscendone con un “ma che c’entra Trump?”

Se questi sono i “riformatori”, quelli che basta stare sul carro del vincitore a prescindere, preferisco rimanere tra i “conservatori” (bevendo un grappino ogni tanto dopo i pasti) e votare sobriamente NO.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...